E la vecchia salta con l’asta

Notti insonni in quel di Sydney. Capita quando ci confrontiamo con la morte a distanza, che arriva e non preavvisa. Ma lo sappiamo, è fatta così. Quando si è giovani non si pensa alla morte. Si vuole vivere. Come Francesco Monteiro Rossi, anche se si è scritto tutta una tesi sulla morte. Eppure, anche da giovani, ci riguarda da vicino. Coinvolge i nostri familiari, i nostri amici, i nostri parenti. E’ una cosa che ci accomuna tutti quanti, a cui – aggiungerei, per fortuna – nessuno può sfuggire. Poco prima di quel punto siamo tutti veramente, finalmente, uguali. Non ci sono più distinzioni di classe, di censo, di forma o di colore. Siamo lì, pronti a fare i conti con la cosa più spaventosa, con un’unica preoccupazione, sopravvivere. Guardiamo chi è in vita intorno a noi, e un poco poco quasi li invidiamo, perché vorremmo essere al posto loro, vivere ancora un poco. Se sarà vero che poco prima di quel momento ci passa tutta la vita davanti almeno sarò stato tra i suoi ricordi lontani, come adesso che lui non c’è più rimarrà nei miei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: