Italiani al voto #2

Breve sintesi per gli italiani che discutono animatamente sulle prossime elezioni: volete sapere perché siamo sul lastrico?

E’ semplice!

Provi ad indovinare? La colpa non è degli immigrati, della globalizzazione, della Cina, della Merkel, di Babbo Natale o della Befana… no, non ci sei arrivato ancora? E’ colpa nostra! Hai capito bene, e te lo spiego in pillole: a parte rare eccezioni, quello che produciamo non viene fatto bene (o fa direttamente schifo) o comunque non è competitivo rispetto ad altre produzioni nazionali (facciamo un esempio a caso, la Germania); l’organizzazione delle nostre aziende fa rabbrividire e tende a reprimere l’iniziativa individuale; le nuove generazioni vengono prese per il culo, senza troppi giri di parole, e chi c’ha un minimo d’iniziativa se la da giustamente a gambe levate, anziché rimanere a marcire in Italia da qualche parte. 

Bisognerebbe rimboccarsi le maniche, lamentarsi di meno, lavorare di più, ma soprattutto meglio!

E’ un discorso che non ti farà mai nessuno, perché implica puntare il dito contro il tuo vicino di scrivania, di cui, col passare del tempo, sei diventato complice e connivente. Lo so che ti stupisce la cosa, ma il bonifico del 27 del mese non arriva in default, ma te lo devi sudare. Se non sudi, ci sta che non arriva più, anzi, sarebbe anche l’ora così una volta per tutte capisci come gira il Mondo!

Allora domani mattina, quando ti alzi e andrai nel tuo ufficio, al tuo negozio, nella fabbrica in cui lavori, prendi la tua mano, alzala, punta l’indice verso te stesso e fatti queste domande: quello che sto facendo, lo sto facendo bene, al meglio che io lo possa fare o comunque meglio di chi fa la stessa cosa? Rende competitiva l’azienda per cui lavoro (che mi permette di portare a casa la pagnotta)?

Se la risposta è si, prova a farti le stesse domande il giorno dopo, e il giorno dopo ancora, e tutti i santi i giorni, per capire se quello che ricevi a fine mese te lo meriti veramente. 

Se la risposta è no, allora non ti lamentare della “crisi”, perché è anche colpa tua. Anzi, è soprattutto colpa tua.  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: